di Vittorio Valli, Università di Torino

Quando nel 2001 un economista della Goldman Sachs Jim O’Neill inventò l’acronimo BRIC (tratto dalle iniziali di Brasile, Russia, India e Cina), probabilmente non immaginava lo straordinario successo della sua creatura. L’acronimo è pure cresciuto nel tempo diventando dal dicembre 2010 BRICS, per accogliere nel suo seno almeno un paese africano, il Sud Africa.

Si parla di BRIC o BRICS ovunque, in libri, articoli, conferenze, seminari ed in ogni tipo di media. Andrea Goldstein ha, ad esempio, dedicato nel 2011 un bel volumetto del Mulino all’analisi dei quattro BRIC originari2.

Gradualmente il concetto ha raggiunto il suo trionfo in chiave politica. Si è creata una organizzazione interstatale dei paesi BRIC, poi BRICS, che dal 2009 tiene un vertice ogni anno, pubblica un rapporto annuale con adeguate statistiche comparative e concerta azioni comuni sia sul piano economico e finanziario, sia su quello politico. I criteri utilizzati per scegliere i BRICS erano essenzialmente legati alle grandi dimensioni economiche e al relativamente rapido tasso di crescita di questi paesi. O’ Neill profetizzava che nel 2041 (data gradualmente abbassata al 2032) il PIL complessivo di questi paesi avrebbe superato quello dei G7, i principali paesi industrializzati dell’epoca, e allo stato dei fatti è assai probabile
che questo avvenga. Tuttavia i criteri di scelta dei BRICS sono per diversi aspetti arbitrari. Perché non includervi, ad esempio, Indonesia, Messico, Corea del sud, Turchia e Iran, che hanno tutti dimensioni economiche nettamente superiori al Sud Africa e che negli anni 2000 hanno realizzato risultati economici inferiori a quelli di Cina e India, ma, tranne che per il Messico, superiori a quelli di Brasile e Sud Africa?3

Come mostra la tabella 1, nel 2013 i livelli del PIL totale in PPA (parità di poteri d’acquisto) espressi in percentuale di quello degli Stati Uniti di tutte e cinque queste economie non- BRICS erano nettamente superiori a quelli del Sud Africa. Inoltre, come si può vedere anche nella tabella 2, dal 2000 al 2013, con la sola eccezione del Messico, i livelli dei loro PIL reale erano cresciuti di più di quelli del Brasile, e dello stesso Sud Africa.

brics tabelle

Naturalmente l’inclusione nei BRICS del Sud Africa, può rispondere a importanti considerazioni storiche e geo-politiche, più che economiche, mentre la Corea del Sud, in termini di livello del PIL pro capite e della tecnologia, può essere considerata come un paese già totalmente emerso, sebbene relativamente piccolo come dimensioni della sua popolazione e del suo territorio. Tuttavia Indonesia, Messico, Turchia, Iran e, forse anche, Tailandia, Polonia, Arabia Saudita, Egitto, Pakistan, e in futuro Vietnam, etc. possono legittimamente aspirare, insieme agli attuali BRICS, al titolo da noi coniato, di GEE (grandi economie emergenti), che sembra essere un criterio più preciso ed includente di quello dei BRICS.

I paesi GEE dovrebbero avere una rilevante dimensione economica, demografica e territoriale ed un tasso di sviluppo superiore, per almeno due decenni consecutivi, a quello medio mondiale.


1 Jim O’Neill (2001), Building Better Global Economic BRICs, Goldman Sachs Global economics Paper, N. 66. http://www.goldmansachs.com/our-thinking/archive/archive-pdfs/build-better-brics.pdf
2 Andrea Goldstein (2011), BRIC. Brasile, Russia, India, Cina alla guida dell’economia mondiale, il Mulino, Bologna. Nella letteratura mondiale vi sono diversi volumi dedicati ai BRICS, e molti di più dedicati ai singoli paesi BRICS. Si veda anche il numero speciale dedicato ai BRICS della rivista on-line e open access “Nuvole” n. 51, gennaio 2015. http://www.nuvole.it con la mia introduzione BRICS: economie emergenti, società divise.
3 Il tasso di crescita della Russia è stato negli anni 2000 comparativamente abbastanza buono, ma ciò è in parte dovuto alla ripresa dopo la grande crisi economica associata alla dissoluzione dell’URSS ed alla fase di transizione degli anni 1990. Nel complesso degli anni 1991-2014 il tasso di crescita medio annuo della Russia è stato in realtà assai basso.

Newsletter N. 01 | GIUGNO 2015 - Scarica il pdf

Ordinary members

  • Full Professor of International Economics, Turin University.

  • Full Professor of International Economics, Turin University.

  • Emeritus Professor of Economic Policy and Comparative Economic Development, Turin University.

  • Research Fellow and Lecturer in Economics, Turin University.

  • Senior EU and UNCTAD consultant on development projects. Adjunct Professor of International Economics and Development Cooperation, Turin University.

  • Associate Professor of Comparative Law, Turin University.

  • Assistant Professor of Economics at Eastern Piedmont University. Adjoint Professor of International Economics, Università Cattolica del Sacro Cuore (Milan, Italy). Associate Senior Research Fellow at ISPI.

  • Adjoint Professor of International Political Economy and Political Economy of East Asia, Turin University. Co-founder and Head of Research of T.wai (Torino World Affairs Institute).

  • Managing Director, NOMISMA, Bologna

  • Professor of European Economy at the University of Parma. Professor of “The Economics and Law of International Trade" at the University Carlo Cattaneo (LIUC).

  • Assistant Professor, Turin University

  • Full Professor of Industrial Economics, University of Parma.

  • Assistant Professor, University of Ferrara and Lecturer of Advanced Applied Economics.

  • Associate Professor of Industrial Economics at the University of Eastern Piedmont.

  • Associate Professor of Political Economy, Turin University.

  • Research Fellow and Lecturer in Economics, Turin University .

  • Assistant Professor, Turin University

  • Full Professor, Turin University

  • Associate Professor, Turin University

  • Emeritus Professor, Turin University

Corresponding members

Partners

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

Our activities

Materials

Recent publications on emerging economies:

Books

Scientific articles and book chapters

 

Slides and videos