di Giovanni Balcet, Università di Torino - Xavier Richet, Université de Paris 3 - Wang Hua, Kedge Business School, Shanghai

Questo contributo è frutto di una ricerca sul campo sull’industria automobilistica in Cina, e sulle prime mosse delle nuove imprese multinazionali di questa potenza economica emergente.

Dal 2009 la Cina rappresenta il primo mercato automotive al mondo, dopo essere cresciuto a tassi rapidissimi e aver superato per dimensioni quello americano.

I costruttori multinazionali europei, americani, giapponesi e coreani sono i protagonisti di questa crescita, ma in associazione con imprese cinesi, spesso di proprietà pubblica locale (province e municipalità): la joint venture è infatti la forma dominante di governance di impresa, e nello stesso tempo rappresenta uno strumento di politica industriale. Tale strumento si è rivelato efficace, a giudicare dal rapido processo di inseguimento tecnologico e di assimilazione delle conoscenze e capacità di ingegneria.

Gli autori si focalizzano su un case study particolarmente rilevante, quello dell’acquisizione di Volvo da parte del costruttore privato Geely, avvenuta nel 2010. E’ un caso di grande interesse perché illustra i meccanismi di inseguimento tecnologico e imitazione in atto, attuati attraverso acquisizioni mirate di tipo “asset seeking”, cioè finalizzate ad acquisite  tecnologie, capacità, risorse umane e marchi di prestigio internazionale. Tale caso illustra anche il particolare rapporto tra un’impresa privata e le autorità di tre province cinesi, che  hanno contribuito a finanziare l’acquisizione, e nelle quali la nuova Volvo – sotto proprietà Geely – ha realizzato nuovi impianti produttivi e centri di ricerca, al fine di espandersi
sul mercato cinese.

Viene analizzato l’impatto e il significato strategico di tale investimento di grandissimo rilievo, per l’analisi delle nuove multinazionali cinesi e dei paesi emergenti.

Newsletter N. 01 | GIUGNO 2015 - Scarica il pdf

Ordinary members

  • Full Professor of International Economics, Turin University.

  • Full Professor of International Economics, Turin University.

  • Emeritus Professor of Economic Policy and Comparative Economic Development, Turin University.

  • Assistant Professor in Political Economy - University of Gastronomic Sciences (Bra, Italy)

  • Senior EU and UNCTAD consultant on development projects. Adjunct Professor of International Economics and Development Cooperation, Turin University.

  • Associate Professor of Comparative Law, Turin University.

  • Assistant Professor of Economics at Eastern Piedmont University. Adjoint Professor of International Economics, Università Cattolica del Sacro Cuore (Milan, Italy). Associate Senior Research Fellow at ISPI.

  • Adjoint Professor of International Political Economy and Political Economy of East Asia, Turin University. Co-founder and Head of Research of T.wai (Torino World Affairs Institute).

  • Managing Director, NOMISMA, Bologna

  • Professor of European Economy at the University of Parma. Professor of “The Economics and Law of International Trade" at the University Carlo Cattaneo (LIUC).

  • Assistant Professor, Turin University

  • Full Professor of Industrial Economics, University of Parma.

  • Assistant Professor, University of Ferrara and Lecturer of Advanced Applied Economics.

  • Associate Professor of Industrial Economics at the University of Eastern Piedmont.

  • Associate Professor of Political Economy, Turin University.

  • Research Fellow and Lecturer in Economics, Turin University .

  • Assistant Professor, Turin University

  • Full Professor, Turin University

  • Associate Professor, Turin University

  • Emeritus Professor, Turin University

Corresponding members

Partners

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

Our activities

Materials

Recent publications on emerging economies:

Books

Scientific articles and book chapters

 

Slides and videos